Realme punta su fotocamera da 108 megapixel

Realme punta su una fotocamera da 108 megapixel

Realme ha presentato una delle novità che arriveranno nelle prossime settimane con la sua nuova serie 8: una fotocamera con una risoluzione di 108 MP.

Questo impegno non fa altro che riaffermare il percorso che ha tracciato questo brand, di origine cinese e che, con meno di tre anni di vita (è nato a maggio 2018) è diventato il brand di smartphone che ha raggiunto più velocemente i 50 milioni di dispositivi venduti ed è tra i cinque marchi più venduti in Italia.

Sebbene ci sia ancora tempo per l’arrivo del nuovo dispositivo, sappiamo l’essenziale di questa fotocamera.

Sarà caratterizzato dall’ultima generazione del sensore HM2 da 108 MP di Samsung, con una risoluzione di 12.000 x 9.000 pixel. Ciò significa che, se le condizioni di luce sono le più adatte, possono essere stampati in un formato fino a 4,4 metri di altezza per 2,6 metri di larghezza. Il vantaggio di avere una fotocamera con questa risoluzione è che l’immagine è notevolmente arricchita: puoi vedere diverse scene e ingrandirle per ottenere immagini singole.

Ma non tutto ha a che fare con la risoluzione

Uno dei difetti di molte fotocamere degli smartphone è la perdita di qualità durante lo zoom, ma secondo quanto dicono da realme, l’8 Pro raggiunge una maggiore chiarezza grazie alla nuova tecnologia In-sensor Zoom.

Nella fotocamera del realme 8 Pro, questo sensore è attivato con la modalità a tre ingrandimenti. Il suo obiettivo è analizzare un’area di 12 megapixel per generare un’immagine. Otto foto da 12 MP vengono catturate di fila e quindi passano attraverso l’algoritmo di miglioramento per aumentare ulteriormente la chiarezza dell’immagine, che potrebbe persino migliorare i risultati di alcuni teleobiettivi ottici. Anche se questa affermazione dovrà essere dimostrata.

A questo vanno aggiunte nuove modalità di fotografia

Uno di questi è la modalità costellazione. Grazie ad esso, è possibile catturare il cielo stellato in video con la modalità time-lapse. Per fare ciò, realme ha sviluppato il proprio algoritmo video time-lapse basato su foto del cielo stellato. Ci vogliono 480 secondi per scattare 30 foto e poi emette un video time-lapse di 1 secondo, il che significa che la modalità time-lapse può mostrare i cambiamenti dell’universo a una velocità 480 volte più veloce.

Un’altra nuova modalità è il tilt-shift o anche chiamato effetto diorama. Fondamentalmente sono quelli in cui una piccola porzione dell’immagine appare più chiara, mentre il resto è sfocato, creando la sensazione di fotografare oggetti in miniatura, come se fosse un modello. La cosa interessante è che questo effetto può essere combinato con il suddetto video time-lapse.

La fotocamera consentirà anche di scattare ritratti con effetto bokeh a cui realme ha incorporato tre nuovi filtri: ritratto al neon, ritratto con sfocatura dinamica e ritratto a colori AI per rendere ogni foto unica e originale.

Questa è una scommessa enorme da parte di realme, sia in termini di qualità che di servizi, e punta direttamente a un mercato in cui le fotocamere sono decisive. A questo si aggiunge che finora i prezzi di questa casa cinese sono sempre competitivi. Non sarebbe strano che, se le promesse saranno mantenute per quanto riguarda la serie 8, continui davvero a salire nelle posizioni di vendita.